Domenica, 02 Aprile 2023 08:44

Lo zinco Chelato nelle problematiche virali

Written by
Rate this item
(3 votes)

Chelated Zinc nelle patologie virali: dopo la pandemia di corona virus , sono urgentemente desiderate nuove opzioni

terapeutiche contro gli effetti collaterali di questa malattia virale. A causa della rapida diffusione e dell'immenso numero di persone affette in tutto il mondo, sono estremamente giustificate opzioni convenienti, disponibili a livello globale e sicure con effetti collaterali minimi e di  semplice applicazione. Questa recensione discuterà quindi del potenziale dello zinco come agente preventivo e terapeutico da solo o in combinazione con altre strategie, poiché lo zinco soddisfa tutti i criteri sopra descritti. 

Sebbene sia disponibile una varietà di dati sull'associazione dello stato di zinco individuale con le infezioni virali e del tratto respiratorio, finora mancano prove di studio relative a COVID-19, ma si può presumere come indicato da altri ed è dettagliato in questa prospettiva, concentrandosi sul riequilibrio della risposta immunitaria mediante integrazione di zinco. In particolare, il ruolo dello zinco nelle complicanze vascolari indotte da virus è stato appena discusso, finalmente! È interessante notare che la maggior parte dei gruppi a rischio descritti per COVID-19 sono allo stesso tempo gruppi associati a carenza di zinco. Sappiamo che  lo zinco è essenziale per preservare le barriere tissutali naturali come l'epitelio respiratorio, impedendo l'ingresso di agenti patogeni, per una funzione equilibrata del sistema immunitario e del sistema redox; la carenza di zinco può probabilmente essere aggiunta ai fattori che predispongono gli individui all'infezione e alla progressione dannosa di COVID -19. Infine, a causa delle sue proprietà antivirali dirette, si può presumere che la somministrazione di zinco sia vantaggiosa per la maggior parte della popolazione, specialmente per quelli con uno stato di zinco non ottimale. La maggior parte dei gruppi a rischio descritti in seguito ad esposizione al  COVID-19, sono allo stesso tempo gruppi associati a carenza di zinco. Poiché lo zinco è essenziale per preservare le barriere tissutali naturali come l'epitelio respiratorio, impedendo l'ingresso di agenti patogeni, per una funzione equilibrata del sistema immunitario e del sistema redox, la carenza di zinco può probabilmente essere aggiunta ai fattori che predispongono gli individui all'infezione e alla progressione dannosa di COVID -19. Infine, a causa delle sue proprietà antivirali dirette, si può presumere che la somministrazione di zinco sia vantaggiosa per la maggior parte della popolazione, specialmente per quelli con uno stato di zinco non ottimale. La maggior parte dei gruppi a rischio descritti per COVID-19 sono allo stesso tempo gruppi associati a carenza di zinco. Poiché lo zinco è essenziale per preservare le barriere tissutali naturali come l'epitelio respiratorio, impedendo l'ingresso di agenti patogeni, per una funzione equilibrata del sistema immunitario e del sistema redox, la carenza di zinco può probabilmente essere aggiunta ai fattori che predispongono gli individui all'infezione e alla progressione dannosa di COVID -19.
 1) a causa delle sue proprietà antivirali dirette, si può presumere che la somministrazione di zinco sia vantaggiosa per la maggior parte della popolazione, specialmente per quelli con uno stato di zinco non ottimale. per una funzione equilibrata del sistema immunitario e del sistema redox, la carenza di zinco può probabilmente essere aggiunta ai fattori che predispongono gli individui all'infezione e alla progressione dannosa di COVID-19.
2) a causa delle sue proprietà antivirali dirette, si può presumere che la somministrazione di zinco sia vantaggiosa per la maggior parte della popolazione, specialmente per quelli con uno stato di zinco non ottimale. per una funzione equilibrata del sistema immunitario e del sistema redox, la carenza di zinco può probabilmente essere aggiunta ai fattori che predispongono gli individui all'infezione e alla progressione dannosa di COVID-19.
3) a causa delle sue proprietà antivirali dirette, si può presumere che la somministrazione di zinco sia vantaggiosa per la maggior parte della popolazione, specialmente per quelli con uno stato di zinco non ottimale.

Parole chiave: zinco, COVID-19, SARS-CoV2, 2019-nCoV, coronaviridae, carenza di zinco, sistema immunitario compromesso

Fonte : https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7365891/

Read 594 times Last modified on Lunedì, 10 Aprile 2023 09:13