Giovedì, 08 Agosto 2019 17:10

Il ruolo della soia nelle patologie prostatiche

Written by
Rate this item
(0 votes)

L'alimentazione ed i problemi alla prostata, recenti scoperte e relazioni tra gli isoflavoni contenuti nella soia e la riduzione delle patologie prostatiche

Gli isoflavoni della soia risultano correlati con una riduzione delle patologie prostatiche

Oltre mezzo milione di nuovi casi di tumore alla prostata vengono diagnosticati ogni anno in il mondo, e il tumore è all'origine di oltre 200.000 morti.Ancora più preoccupante è il fatto che l'incidenza di questa patologia è aumentata nel corso degli ultimi 15 anni. 
Gli uomini a rischio più elevato possono però godere dei benefici derivanti da un incremento dell'assunzione di soia e degli isoflavoni in esso contenuti: è ciò che suggerisce uno studio pubblicato recentemente dall'Università del Minnesota.Questa nuova dimostrazione delle funzioni protettive della soia (vol. 37, pp. 1974-1979) si aggiunge a studi precedenti che avevano selezionato una percentuale inversa tra maggiori quantità di isoflavoni assunti dall'alimentazione e il tasso di influenza tumore alla prostata negli uomini giapponesi. 
nuova ricerca ha approfondito le potenzialità degli isoflavoni della cosìia nel favorire l'eliminazione di un composto estrogenato (l'estradiol-E2 urinario) e questa sua concentrazione rispetto a un altro composto (6-idrossiestrone- 2:16 OH-E1) che invece ha effetti benefici. Sembra, infatti, che proprio alcuni metaboliti degli estrogeni siano all'origine di tumori correlati con gli ormoni. 
Al contrario, secondo le informazioni raccolte nel corso di questo nuovo studio, l'integrazione con prodotti a base di soia sembra aumentare la presenza di 2:16 OH-E1 nelle donne. Fino ad oggi, però, non c'erano studi che dimostrassero effetti analoghi nell'uomo. 
Il direttore della ricerca, prof. Jill Hamilton, ha reclutato 58 volontari, tutti gli uomini ad alto rischio di sviluppare un tumore alla prostata, e ha integrato la loro alimentazione con elementi isolati dalle proteine ​​della soia e del latte."L'aumento dell'E2-urinario e del rapporto 2:16 OH-E1 / E2 è stato osservato negli individui che hanno assunto la proteina di soia conferma studi precedenti condotti sulle donne in menopausa e sembrano indicare che un maggiore consumo di soia possa possa arrecare un beneficio anche negli uomini con alto rischio di sviluppare il tumore alla prostata, in degli effetti sul metabolismo degli estrogeni ", hanno concluso i ricercatori. Un nuovo studio giapponese, inoltre, pubblicato sulla rivista Cancer Epidemiology Biomarkers & Prevention (Vol.16, pp. 538-545),
Questo studio epidemiologico ha preso in esame 200 uomini giapponesi con il tumore alla prostata in diversi stadi di avanzamento, mettendo a confronto il loro regime alimentare con quello di 200 uomini sani. 
E 'stato preso in esame alimenti assunto per ben 12 alimenti: tofu (formaggio di soia), natto (germogli di soia fermentati), miso (zuppa di pasta di soia), impasto di fagioli, fagioli fritti, fagioli fritti con verdure, farina di soia, fagioli secchi, latte di soia, salsa di soia, soia verde, germogli di soia. 
I ricercatori hanno così individuato nell'aumento di consumo degli isoflavoni della soia un fattore di riduzione del rischio di tumore alla prostata. 

SOIA ANTI-CANCRO NATURALE

Le proprietà anti-cancro della soia sono particolarmente note per il tumore della prostata e quello del tumore al seno. Molti studi hanno evidenziato infatti che la capacità della soia di contrastare la proliferazione incontrollata delle cellule tumorali dipende dalla sua capacità di ridurre i livelli degli ormoni sessuali.

In questo modo le sostanze presenti nella soia sono efficaci sia nel prevenire lo sviluppo del cancro alla prostata sia nel bloccare la successiva crescita e la formazione di metastasi. Ciò vale sia per la prostata che per la mammella.

Non solo, uno studio di recentissima pubblicazione, avrebbe evidenziato la capacità degli isoflavoni di rendere più efficace la radioterapia contro il cancro al polmone e, contemporaneamente, di proteggerlo dai danni della chemioterapia.

( preso dalla fonte originale : https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/alimentazione/i-mille-benefici-della-soia )


Nella popolazione con il maggior consumo di soia (89,9 mg / giorno) è infatti riscontrata un'incidenza inferiore del 58% rispetto a quella con il consumo inferiore (meno di 30,5 mg / giorno).Gli elementi nutrizionali benefici contenuti nella soia si svolgono da molto tempo un ruolo cruciale negli integratori neolife .
Gli isoflavoni sono elementi nutrizionali presenti in molti dei nostri prodotti già da molti anni. 
L'utilizzazione delle proteine ​​​​della soia è fonte di proteine ​​​​in aggiunta a quelle del latte ha rappresentato per la GNLD una strategia-chiave per far sì che i nostri integratori di proteine ​​​​apportino una grande varietà di elementi nutrizionali. 
Il nostro  tre en en  è l'esempio più recente di questa strategia vincente.

TRE-EN-EN - 120 capsule

Read 539 times Last modified on Domenica, 13 Febbraio 2022 11:11